martedì 1 ottobre 2013

Il buffettaro




Il buffettaro è pragmatico: mangiare è necessario, correre no. È facile allora definire le priorità: correre per mangiare ha senso, mangiare per correre no. Allora le gambe sono solo un “mezzo” di trasporto per raggiungere il “fine” buffet. Puro sillogismo. Lo stomaco comanda, le gambe eseguono.
Il buffettaro è razionale; dividendo il costo dell'iscrizione per la differenza calorie entranti – calorie uscenti, ottiene il prezzo in euro per caloria netta e lo confronta con i prezzi di mercato. Quando il risultato è troppo elevato, pensa: “mi conveniva andare al ristorante” e l'anno dopo va al ristorante.
Usa la matematica anche per il conto dei giri. Cerca sempre di evitare che il numero di giri del buffet sia inferiore al numero di giri del percorso di gara e sostiene che, per la legge di conservazione dei giri, se ha saltato un giro del percorso deve compensare con un giro in più del buffet.
Io? Sono buffettaro dentro ma anche forrest gump. Godo a fare tanti chilometri per poi abbuffettarmi come un maiale. Quest'anno, correndo gli ultratrail, ho scoperto che si può anticipare il buffet, cominciando ad abbuffarsi anche durante la gara, bevendo birra e mangiando di tutto ai ristori, arrivando così alla congiunzione perfetta: mangiare per correre e correre per mangiare corto-circuitano in uno scoppio di vita ... è questo la felicità?
Il test: sei un buffettaro?
  • Prima di decidere se partecipare ad una competizione, consulti la “guida buffet” del velleitario?
  • Tornando a casa dopo una trasferta “sportiva” ti capita di pesare più di quando eri partito?
  • Quando parli di “integratore” ti riferisci a maialetto e birra?

Se hai risposto “sì” ad almeno due delle tre domande, mi spiace ma neanche tu sei wellrunnessaro. Sei un povero buffettaro e devi beccarti gli insulti di Albanesi e cercare di convertirti al più presto se non vuoi rischiare di finire i tuoi giorni mangiando anziché correndo. Non scordarti di schiacciare il pulsante corrispondente nel sondaggio in alto a destra!




.
Il mio palmares alla 60km di Macomer:
Nel 2010 5h13, 5 birre 
Nel 2011 4h59, 7 birre
Nel 2012 4h43, 10 birre