venerdì 1 marzo 2013

Trasparente

E' inutile che quando andiamo in giro in bici ci vestiamo da pagliacci con i nostri completini sgargianti. Siamo e resteremo trasparenti.
Nell'ultimo mese, per ben due volte ho dovuto frenare di colpo per non essere travolto da macchine che svoltavano a sinistra proprio mentre stavo passando io in bici. Non credo che gli autisti volessero investirmi. La colpa è mia che mi ostino ad andare in giro trasparente; infatti non si sono neanche fermati a chiedere scusa, non mi hanno proprio visto né hanno sentito l'urlo di protesta che mi è uscito dalla bocca.
Ieri, tornando a casa da un lungo giro in bici, ho trovato la strada bloccata. I carabinieri stavano facendo i rilievi per ricostruire un incidente: un ciclista era appena stato travolto e ucciso da una macchina che proveniva dalle sue spalle, nonostante stesse pedalando al limite destro della carreggiata. La donna che l'ha ucciso si è giustificata così: "non l'avevo visto".
Ogni volta che ci prepariamo per uscire in bici, infiliamo un proiettile nel grande caricatore, lo facciamo girare, lo puntiamo alla tempia, saliamo in bici, e ... puf ... "spariamo".