martedì 22 aprile 2014

Consigli della nonna guru: la tattica di gara

Cosa credete che sappiano gli allenatori delle gare? Ne sanno davvero poco. Per loro conta solo il tempo finale, la posizione in classifica … non considerano le emozioni, gli stati d'animo, lo spirito e le foto-ricordo. Non ascoltateli. Sentite invece cosa ne dice la nonna guru. Qualcuno mi ha chiamato?”

La gara perfetta.
Primi 100m: primeggiare con una partenza a razzo. Se sei fortunato ti fanno la foto davanti a Calcaterra.
Ultimi 100m: Vincere lo sprint per la centordicesima posizione. Non importa se quello che stai superando è Usain Bolt, un vecchietto, una casalinga o un ragazzino: ti stai facendo una botta di adrenalina e non guardi in faccia a nessuno.

Fase intermedia: dopo i primi 150 metri starai già boccheggiando ma non ti preoccupare, tutto il resto della gara sarà solo un lungo recupero in preparazione dello sprint finale. Lasciali passare e, mentre ti superano, guardali con un sorriso storto di sfida. Uno di loro sarà la vittima del tuo sprint fulminante: non sa cosa lo aspetta!