sabato 3 marzo 2018

Alla deriva

Bisognerebbe riproporre la centralità dell'uomo e del suo benessere inteso come vivere bene e non come diritto all'obesità e alla cura dell'obesità. Riappropriarsi del tempo e del gusto di viverlo come piace a noi e non come ci dicono di fare, godersi i frattempi e costruirci rettangoli di vita; riappropriarsi della socialità sana, quella della solidarietà, dello scambio culturale, del lavoro inteso come attività utile alla società e non all'economia. Per poterlo fare bisognerebbe uscire dal vortice che ci trascina, l'“economia globale”, cercando di governarlo. È l'economia che dovrebbe servire a far star bene l'uomo e non l'uomo che deve vivere tutta la propria vita per spingere l'economia. Questo vortice, oltre all'umanità, sta distruggendo il mondo perché la chimera di un continuo aumento della produzione e del consumo, quel famoso segno “più” del PIL senza il quale sembra impossibile vivere, va inevitabilmente a scontrarsi con i limiti fisici del pianeta in cui viviamo.
Speravo nella crisi. Speravo che l'umanità prendesse spunto dalla crisi per capire che stava sbagliando qualcosa e per cercare di cambiare il sistema, invertendo il rapporto di priorità fra l'uomo e il soldo. E invece no. Si fa di tutto per far ripartire la trottola: spingi il PIL, sacrificati, “produci, consuma, crepa”.
E domani vado a votare per cosa? Non si può governare l'economia globale da una piccola sporgenza a forma di stivale.
Tutti a mentire per prendere il comando della barra di un relitto alla deriva senza timone. Costretti a mentire per dare una speranza. Datemi il comando e vi porto a New York, disse uno dei naufraghi in balia della corrente.
Non mi resta che uscire a correre, sotto la pioggia, in montagna per sciacquare le idee e rendere il più piacevole possibile questa deriva.