venerdì 10 ottobre 2014

Al sangue, medio o ben cotto?

Com'è il vostro controfiletto dopo l'allenamento?

La cottura disidrata la carne, scioglie i grassi e denatura le proteine. L'allenamento fa esattamente lo stesso. Ecco le istruzioni per cucinare i muscoli a vostro piacimento.
Dopo mezz'ora di allenamento, da ambo i lati, il muscolo è ancora succoso e mantiene la dimensione originale. Sentite un po' di stanchezza ma siete ancora abbastanza freschi e, al taglio, potete notare che siete “al sangue”.
Continuando l'allenamento per un'altra mezz'ora per lato, il muscolo comincia ad asciugarsi ed a contrarsi. Le fibre muscolari cominciano a deteriorarsi ma mantengono ancora una parvenza di struttura, e al dente, risultano ancora polpose. Siete allora a “cottura media”.
Se siete talmente stupidi da continuare l'allenamento, i microtraumi che si producono ogni volta che sbattete il piede a terra, finiscono di macinare le vostre fibre muscolari e il corpo affamato le mastica. Il muscolo diventa talmente contratto e disidratato che perde volume. Il profumo di arrosto che sentite nell'aria, proviene da voi. Vi sentite disidratati, sgrassati e denaturati nel profondo. Allora, aggiungete un pizzico di sale, una spolverata di pepe e siete “ben cotti”.
E si vede!


Io mi preferisco al sangue ma spesso mi distraggo e finisco ben cotto.