venerdì 23 maggio 2014

Passatore preview

Ho tirato per le lunghe prima di fare quest'annuncio perché speravo in un miracolo ma ormai siamo alla vigilia e devo confessare. Domani mi ritirerò. Non so ancora se mi fermerò a Borgo San Lorenzo, al 31esimo chilometro, o se avrò le forze di salire fino al passo della Colla, al 48esimo.
In questi giorni, guardavo con sempre minor interesse le previsioni meteo per sabato mentre cresceva l'apprensione per l'evoluzione della situazione generale corporea. Le forti precipitazioni si alternavano nelle previsioni a caldo estivo, mentre raffiche di tosse e rovesci di raffreddore testimoniavano l'avanzamento di uno stato di salute perturbato.

Ora il meteo per domani si è assestato su una situazione di bel tempo e di normale caldo primaverile ma il tempo buono non conta più niente.
Un gruppuscolo di microbici esseri malefici mi ha preso martedì scorso e non mi vuole lasciare. Ho provato anche a corricchiare sperando di metterli in fuga ma senza riuscirci e ora ho una fiacca che lascia poche speranze: gambe molli e fiato corto. Non sono un eroe e se anche lo fossi conserverei il sacrificio per obiettivi più sensati, quindi, quando il fisico me lo chiederà, scenderò dalle gambe e mi lascerò raccogliere dagli spazzini del carro scopa. In quel cassonetto però vorrei riuscire ad entrarci con le mie gambe.

Un po' mi dispiace non poter finalizzare con una bella gara questa stagione primaverile ma, avendo sempre corso con piacere, non credo di aver buttato via niente.