venerdì 6 maggio 2016

Fra nove giorni ho la maratona. Forse dovrei cominciare la preparazione.

Il 15 maggio, a Cagliari, si correrà la maratona. Come ormai da 5 anni, mi sono preso il compito di organizzare la squadra di pacemaker. Per le 3 ore c'è Massimo, per le 3h30 Francesco e Luca, tutti e tre in preparazione del passatore. Per le 4 ore Luigi, appassionato maratoneta e appassionante scrittore. Dopo essere incappato in una crisi correndo la maratona di Roma, Luigi non si sentiva sicuro di farlo da solo e non avendo trovato nessuno disponibile, ho deciso di accompagnarlo io. Per fare la maratona in 4 ore non mi serviva una preparazione specifica ma piuttosto, come provato 2 anni fa e raccontato sul blog qui: “strategiedella lumaca” e qui: “il re del lento” , un buon karma e dei buoni freni. Domenica scorsa, giusto per provare le scarpe e la testa, ho corso il primo lungo lentissimamente, 33 km in 2h50: ancora un po' troppo veloce ma ero sulla strada giusta … senonché … ieri, Salvatore mi ha chiamato per chiedermi se ci fosse ancora posto per fare il pacemaker delle 4 ore, anche lui in preparazione del passatore. Non ci ho pensato un attimo: “certo”, gli ho detto, “così sarò libero di correrla al mio ritmo”. Forse potrei sembrare velleitario ma ho subito pensato di provare a correrla in 3 ore. In nove giorni potrei riuscire a prepararla. Asfalto e pianura non mi ricordavo più bene cosa fossero allora oggi pomeriggio sono andato a correre un lungo sul lungomare di Santa Margherita: 26 km a 4'30 più 4 km a 4'10. Prova scarpe, calze, pianura, asfalto e ritmo: tutto insieme che non c'è molto tempo. Al decimo km avevo già i polpacci doloranti e al quindicesimo erano diventati due ciocchi di legno; per sopravvivere, ho dovuto cambiare stile di corsa, passando dall'appoggio di avampiede ad una bella rollata completa da tapascione. Per il resto sono riuscito a rispettare in pieno il programma senza dover ricorrere alla spinta di natica o alla corsa all'indietro. Se i polpacci si aggiusteranno in tempo utile, forse, tornando alle vecchie scarpe, potrei farcela. Certo mi mancano ancora velocità e resistenza ma il tempo è dalla mia parte: mi restano ben otto giorni.