mercoledì 25 maggio 2016

Annunciato referendum per l'abrogazione della legge di gravitazione universale.

La legge di gravitazione universale è anticostituzionale”, sostengono i promotori del referendum, “in quanto discriminatoria nei confronti di chi è sovrappeso. In particolare, ove afferma che: ogni punto materiale attrae ogni altro punto materiale con una forza che è direttamente proporzionale al prodotto delle loro masse, fa riferimento a condizioni personali (la massa dell'individuo) in aperto e palese contrasto coll'articolo 3 della costituzione italiana che recita: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
In parole povere, i cittadini italiani non sarebbero tutti uguali davanti alla legge di gravitazione ma discriminati a seconda del peso.
In caso di vittoria del sì, le risorse per l'attuazione di misure idonee potrebbero venire dal turismo:
L'Italia sarebbe la prima nazione a liberarsi dal fardello di questa legge ingiusta e ci aspettiamo un grande afflusso di grandi mangiatori, stomaci di ferro, culi di piombo e portafogli pesanti.”

La parola agli elettori.