lunedì 19 ottobre 2015

Verso il Forte Village Triathlon

La velleità sarebbe ripetere i tempi dell'anno scorso: 40' nel nuoto, 2h43 di bici e 1h26 di corsa, per finire in 4h55. Con quel tempo, l'anno scorso sono arrivato a pochi secondi dal primo della categoria dei cinquantenni, un triatleta svizzero, e avrei quindi qualche possibilità di arrivare primo di categoria e vincere l'iscrizione al triathlon medio del Bahrain. Il nuoto e la bici mi sembrano fattibili. Invece l'1h26'01” nella mezza – 4'06” al chilometro – sembra facile ma proprio non mi riesce.
Ci ho provato venerdì, per 13 chilometri secchi (senza prima uscire in bici) e ci sono andato vicino ma con affanno. A nove giorni dalla gara, una persona assennata avrebbe rinunciato al Bahrain e ripensato agli obiettivi. Io ho dato la colpa alle scarpe, ne ho comprato un nuovo paio velocissime e ci ho riprovato domenica: 6 km dopo 80 di bici tirati, e li ho fatti a 4'11 arrivando con le viscere rivoltate. La distanza dall'obiettivo è così palese che, a 7 giorni dalla gara, anche uno stupido avrebbe rinunciato al Bahrain e ripensato agli obiettivi. Io ho dato la colpa all'alimentazione, comprato 2 gel e ci riproverò in allenamento e poi in gara. Le ambizioni della testa non saranno seguite adeguatamente dalle gambe. La testa partirà in avanti a 4'06, lasciando indietro i piedi. Mi sbilancerò e cadrò per terra; lo svizzero, con altri cento, mi calpesterà e andrà a vincere. Ma almeno ci avrò provato.