venerdì 19 giugno 2015

Road to Roth to road

È da aprile che ho fatto clic per partecipare
all'ironman di Mallorca del 26 settembre. Sono un po' indietro con gli allenamenti ma di tempo ce n'è. Intanto, per portarmi avanti, ho colto un'occasione al balzo per fare un bel lungo e … mi sono iscritto ad un altro triathlon su distanza Ironman: il celebre Challenge Roth, in Germania, che si correrà il 12 luglio! Grazie al mio 50esimo compleanno, ho trovato i finanziamenti (che non è facile), grazie ad un amico ho potuto iscrivermi (che è molto difficile) e non potevo quindi rinunciare a quella che è definita la miglior gara europea. In tutto ciò mi manca solo un piccolo particolare: l'allenamento.
È normale fare un ironman senza allenamento come allenamento per preparare un ironman? Sembra un po' come suicidarsi per la paura di morire … . Non è normale ma si può fare. Ci vuole tanta velleità, tanta presunzione di avere un corredo genetico spettacolare (se avessi un microscopio elettronico, riempierei facebook di selfie col mio DNA accoccolato) e un po' di follia.
Comunque ormai ci sono dentro e la situazione è questa:
Nuoto. Quest'anno non sono andato in piscina. Da inizio maggio, ho cominciato a nuotare al mare con la muta un paio di volte a settimana. Il massimo, per ora è stato 2.2km. Vado molto piano, ma non mi stanco troppo e vedo meglio i pesci. Il nuoto non è un problema.
Bici. Finalmente martedì scorso ho superato i 100. Ho fatto ben 107 km ma dal 60esimo ero cotto. Muscoli vuoti. Alla fine mi bruciavano anche le punte dei piedi, scottavano come se le scarpe andassero a fuoco … non me lo aspettavo ma, a pensarci bene, è normalissimo: come una pietanza qualsiasi, ero già cotto da due ore e stavo cominciando a bruciare. Domenica ne farò 120 e poi proverò a correre con i piedi incendiati.
Corsa. Nelle due settimane dopo il passatore ho corso una sola volta, 7 km a 6' al km. Questa settimana ho ripreso, sicuro di essere di nuovo brillante, veloce e resistente … o almeno una delle tre … mmm … neanche una, vero? Beh, almeno ho corso: 14km lunedì, 14 mercoledì e 12 oggi.
Previsioni.
La tattica di gara è bell'e fatta. Nuoto tranquillo cercando di non stancarmi, bici tranquilla cercando di arrivare vivo e corsa con quello che resta, ovvero tutta di DNA. Se tutto va bene 1h30+6h00+3h30 fanno 11h00 di puro divertimento.

Intanto, al mercatino, gli scambi si susseguono incessanti facendo oscillare pesantemente i valori del mio seme e alla neuro mi stanno preparando una stanzetta.