martedì 17 dicembre 2013

Occhiali

Tempo fa ebbi una brutta esperienza con le pantofole (http://pisanilorenzo.blogspot.it/2013/03/pantofole.html). Per fortuna, essendo calzature di bassa qualità, si erano disintegrate in poco tempo lasciandomi libero di girare a piedi scalzi, di saltellare, correre, uscire di casa. Nei negozi altre pantofole si esibivano, morbidamente ammiccanti, pronte a sostituirle, ma io, dopo uno sguardo distratto, mi dirigevo con passo sicuro, senza voltarmi, verso il reparto delle calzature sportive.
Il mio passato di vecchio sembrava definitivamente alle mie spalle, finché, sabato scorso, improvvisamente e senza preavviso, sono ricaduto nella spirale discendente, ho imboccato di nuovo quel vicolo cieco a senso unico. Dev'essere stata la cattiva influenza di quel vecchietto di mio fratello Marco, ormai ultracinquantenne (la vecchiaia è contagiosa!) con cui stavo girando per negozi. Questa volta sono stati degli occhiali da vecchio; erano in una cartoleria e mi hanno colto di sorpresa: mi hanno fatto l'occhiolino e non ho saputo resistere.
Sono da lettura, dicono, ma che rimane da leggere con questi occhiali da vecchio? Niente più fumetti, riviste rock o blog sportivi, solo necrologi sul giornale e “modalità d'uso” dei medicinali geriatrici.
Sono anche stato fortunato, pensa se fossi stato sedotto da una dentiera!

Ora ci manca solo che mi vengano i capelli bianchi …