giovedì 18 settembre 2014

Millepiedi in pista!

A Capoterra gli atleti fanno le ripetute sui 300 metri. Un giro di pista è 400 metri; 500 metri è mezzo chilometro; 100, 200, 400 e 800 metri sono distanze olimpiche. Perché allora 300? La ragione è semplice. Al campo sportivo Santa Rosa, dov'è ubicata l'unica pista d'atletica di Capoterra, superato il trecentesimo metro, la pista entra in una proprietà privata; non ci sono filo spinato, mastino ringhiante e sorveglianza armata ma quasi: c'è una rete alta 2 metri per dissuadere anche gli eventuali ostacolisti dal saltare dall'altra parte ed entrare nei 100 metri proibiti. Non scriverò oggi della vicenda che ha portato a questa situazione, sappiate solo che va avanti ormai da anni. Ma noi manteniamo la calma e cerchiamo di ragionare.

Il comune si dà da fare e perciò, in compenso, il campo da calcio è perfetto. Talmente ben irrigato che la buca con la sabbia per il salto in lungo si è ricoperta di una tenerissima erbetta. Ci si potrebbe coltivare insalata non fosse per qualche atleta irrispettoso che si ostina a saltarci dentro. La corsia di rincorsa poi è perfetta per appoggiare le porte da calcio e infatti viene spesso adibita a tale scopo. Ma noi manteniamo la calma e cerchiamo di ragionare.

Sembra difficile organizzare una gara d'atletica su una pista così ma, a furia di ragionare, un'idea m'è venuta. Un piede sono 30.5 cm; forse in qualche paese anglosassone anticamente si gareggiava sulla distanza di 1000 piedi, che sono circa 305 metri ed entrerebbero giusti giusti nella parte accessibile della pista. Non ci resta allora che recuperare questa presunta tradizione.
Venite a Capoterra a correre i “Millepiedi in pista”! Calpestiamo il tartan della pista per mille piedi! Calpestiamoli ben bene questi millepiedi!


Maledette scolopendre …