venerdì 14 ottobre 2016

La breve vita del koala

“Da domani faccio il koala: non fanno un cazzo e vivono cent'anni”. Vale la pena provarci.
I koala non fanno altro che masticare e sonnecchiare, se non nel periodo della riproduzione. Secondo Gigi, essendomi già riprodotto a sufficienza, potrei stare anche più tranquillo e fare una vita da vecchio koala in pensione dall'attività riproduttiva.
La metamorfosi è stata immediata. Dopo l'arrivo ho passato quasi 6 ore sonnecchiando in prossimità del traguardo saldamente incuneato sul mio eucalipto ad aspettare Paolo mangiando germogli di malloreddus e foglioline di vino e guardando giù .
Ho visto Matteo detto Stefano e Cristina detta Stefano, stanchissimi ma sempre sorridenti nonostante tutto il lavoro e le imprecazioni che i maledetti organizzatori di una gara così massacrante si prendono sempre ingiustamente.
Ho visto quelli già arrivati: tutto il podio maschile con i fortissimi Marco Pajusco e Nicola Bassi e gli amici Stefano ed Enrico che, più koala di me, si addormentava in qualsiasi posto, perfino sul tavolo della giuria.
Poi, via via, vedevo quelli che arrivavano; Ivan, che rivendicava il titolo di “primo dei veri sardi” Gianni che mostrava fiero i suoi piedi a tutti: “guarda che belli, neanche una vescica, neanche un'unghia nera”, Massiccione che, non ricordando i nomi, chiamava tutti “massiccio” o, quelli con cui era in confidenza, “Stefano”. Martina, ammutolita dalla fatica con lo sguardo rivolto in dentro, a cercare dentro di sé risposte alla grande domanda “ma chi me l'ha fatto fare?”; i volontari dei vari ristori che via via rientravano dopo il passaggio di Paolo, allegri e festosi quasi come se avessero bevuto un po' di birra.
E poi ho visto arrivare Paolo al limite del tempo limite e dell'umana resistenza, che si è gustato come pochi il traguardo e i festeggiamenti riservati all'ultimo.
Il giorno dopo, ho partecipato alla gita in barca alle stupende cale del golfo di Orosei. Giusto un paio di tuffi per rinfrescare il pelo e due passi sul granitino fine fine delle cale per svegliare le vesciche plantari dal torpore, poi, sonnecchiando sul mio asciugalipto, ho visto l'altro lato della magnifica Cala luna, quello fresco e riposante. Ho visto tantissimi amici che il giorno prima erano andati via prima del mio arrivo, oggi tutti un po' koala: Tore, Giuseppe, Vincenzo e Agnese che per fare l'ultima foto stava perdendo la barca del rientro.
Ritornato sul mio albero di Capoterra ho passato dieci giorni sonnecchiando e mangiando germogli di maiale e foglioline di cannonau. Nessuna corsa notturna, nessuna discesa a rotta di collo su sentiero, solo corsette da pensionato e qualche ora di uscita sonnecchiante sul mio bicicalipto.
Il koala però ora comincia a soffrire d'insonnia; masticare non basta a far smettere di girare i cento pensieri rotondi della vita. Le zampe scalpitano e i cent'anni del koala, per fortuna, sono già finiti. È già ora di scendere dall'albero. Domani e dopodomani sarò a Macomer per la sardinia ultramarathon a correre come una gazzella, mangiare come un maiale e a riempire di vita la mia esistenza.