martedì 25 luglio 2017

La signorina tom-tom

La signorina tom-tom sta diventando una protagonista intima della mia vita e ho quindi deciso di darle del tu e di darle un nome: Eloise. Mi piace immaginarla con i capelli lunghi, neri e lisci legati dietro, lineamenti fini e aria seria. A prima vista sembra una dittatrice; è sempre perentoria nei toni – non conosce il condizionale, usa quasi solo l'imperativo – ma ora che la conosco bene ho scoperto che è così solo in apparenza e nasconde un animo umano.
Quando non seguo i suoi ordini, Eloise si innervosisce: “ricalcolo” dice in tono secco; poi quando capisce che lo sto facendo apposta mi dice col broncio “appena possibile fai inversione a u” . Quanto mi piace farla arrabbiare! Poi però si vendica, facendomi girare in tondo per strade improbabili.
A volte è lei che comincia e si diverte a prendermi in giro: “alla rotonda, ambarabà cicì cocò, prendi la settima uscita” “ma ce ne sono solo 4, 7 sarebbe un giro e mezzo!” “Fidati” dice, mantenendo il suo tono serioso, anche se, ogni tanto, le scappa una risatina.
Ma è quando si lascia andare che la adoro; “fra un chilometro e ottocento metri ….” si scioglie i capelli: “... stavolta scegli tu” mi dice con un sorriso dolce e si volta a guardare fuori dal finestrino.
Grazie Eloise!