venerdì 23 settembre 2016

Insonnia

Questa notte mi sono svegliato prima delle 4 con un leggero mal di pancia. Mi giro nel letto a pancia in giù ma non prendo sonno. Nella testa girano pensieri. Decido di alzarmi per andare in bagno a liberarmi da quei pensieri rotondi. Poi entro nello studio, apro il computer e mi viene un'illuminazione: affronterò quest'insonnia di petto! Chiudo il computer.
Alle 4.30 sono fuori casa, con frontale e zainetto con dentro il “materiale obbligatorio”: riserva idrica, torrone, pile di ricambio, telo termico, fischietto e fascia elastica.
Quando il sentiero sbuca sulla sterrata che sale a s'enna sa craba, spengo la frontale approfittando della flebile luce della luna ammantata di foschia per seguire la striscia chiara della strada, che così tutto è più bello, più affascinante: il profilo dei monti, le luci della città ... dopo 10 metri, alla prima pietra, inciampo e mi ritrovo per terra con abrasioni ad una mano. Mi rialzo, NON accendo la frontale e proseguo alzando meglio i piedi.
L'alba ad ovest alle 5 e mezza del mattino è molto sospetta: sono infatti le luci della raffineria di Sarroch che da dietro i monti illuminano le nuvole. Quella ad est si fa ancora aspettare. Rientro sul sentiero e riaccendo la frontale.
Noto due punti luminosi sulla strada. Gli occhietti di un topo? Mi avvicino e il topo si alza in volo. Era un uccellino. Tutto è confuso, illusorio. I topi diventano uccelli, il sole è una raffineria. I profili delle pietre si appiattiscono e tante volte prendono la punta della scarpa per farmi lo sgambetto ma non cado più.
Finalmente, verso le 6.30, dopo una breve parentesi di bianco e nero, arriva il technicolor: i primi colori sembrano irreali, il cielo variopinto tinge i monti di colori tenui. La rappresentazione del reale sembra falsata da un filtro rosa. Poi arriva il rosso.
Il bosco si tinge di macchie, proiezioni del disco di fuoco attraverso i rami .
Schiena e ginocchio fanno male, la settimana di supercarico si fa sentire ma mi scappa da ridere per lo spettacolo. La natura mi fa sopportare la stanchezza. Penso a quella di Baunei, ancora più affascinante, che sarà con me ad incitarmi e sostenermi fino al novantesimo chilometro.
Poco dopo le 9 sono di nuovo a casa, dopo 40 km e quasi 5 ore di immersione totale nella natura selvaggia. Alle 11, in ufficio, la sonnolenza comincia ad impossessarmi di me.
Insonnia? Finalmente ti ho battuto!